aprile 2021 - Teatro Verga, Catania

Il dubbio per una perfezione impossibile

Lezione aperta di Guglielmo Ferro sul copione dello spettacolo

Il regista Guglielmo Ferro presenterà al pubblico un copione originale del padre Turi, raccontando il metodo con cui l’artista affrontava il testo e il lavoro teatrale.

In occasione del centenario della nascita di Turi Ferro, la messa in scena di Servo di scena di sir Ronald Harwood, in coproduzione con il teatro stabile di Catania, fornisce uno spunto interessante per una lectio sul metodo di studio dell’attore catanese. Turi Ferro è stato spesso elogiato e descritto come un grande talento naturale, con un approccio istintivo al personaggio, tanto la verisimiglianza e la naturalezza del gesto e della parola rendevano le sue interpretazioni magistrali. Ma se ci addentriamo nello studio del metodo interpretativo adottato da Turi Ferro possiamo totalmente stravolgere l’idea che i critici hanno nel tempo sostenuto.
L’attore, nel corso della sua carriera, ha affinato e fatto suo un metodo di studio del personaggio che è diametralmente opposto a quello catartico-istintuale o psicotecnico della scuola stanislavskiana, tale da poter definire il suo: un metodo “simbolico-matematico”. Sin dalla scelta del testo, e quindi del personaggio da portare in scena, le esigenze che muovevano Turi Ferro rispondevano a criteri di profonda selettività e di complessità psicologica e narrativa. Diretta conseguenza che lo porta a essere uno dei migliori interpreti di Luigi Pirandello, che della complessità narrativa, linguistica e psicologica è il primo esponente della letteratura mondiale.
Si parla di studio simbolico-matematico adottato da Ferro perché le fasi del suo lavoro sul personaggio comprendevano dei processi scientifico-drammaturgici, ma è fondamentale evidenziare che, come ogni approccio scientifico o matematico, il sentimento che si muove dentro esso non è la certezza ma bensì il dubbio. Turi Ferro ha sempre lavorato mettendo in dubbio tutto, sino all’ultima battuta dell’ultima replica del suo ultimo spettacolo. Forse alla ricerca di una perfezione che non avrebbe mai potuto ottenere per il suo stesso essere perfezionista.

In collaborazione con

Gentili amiche e amici, 
dato il perdurare della situazione pandemica e delle restrizioni decretate dalle normative, l'attività in sala è sospesa fino a data da definire, ossia in base ai provvedimenti governativi.
Non appena saremo in grado di sapere la data della riapertura del teatro, vi comunicheremo la programmazione aggiornata e tutte le informazioni correlate.

Il momento è difficile, lo sappiamo. Ma, anche con il sipario abbassato, noi continueremo a lavorare e a provare, fiduciosi che torneremo ad accogliervi in sala Verga, il più presto possibile.
Per ora, continuate a seguirci, sulle nostre pagine social e tramite il sito.